Osteopatia: come e perché?

  • Dr.ssa Silvia Colombo
Osteopatia Monza

Il termine “Osteopatia” fu coniato alla fine dell’Ottocento da Andrew Taylor Still.

Grazie alla legge 3/2018 l’osteopatia è una professione sanitaria e, secondo la definizione del “Word Osteopathic Health Organization” (WOHO), è un sistema affermato e riconosciuto di prevenzione che si basa sul contatto manuale per la diagnosi ed il trattamento.

Di cosa di occupa l’osteopatia?

L’osteopatia attraverso il trattamento manipolativo osteopatico si dimostra efficace per la valutazione, diagnosi e trattamento di disturbi che interessano l’apparato neuro-muscolo-scheletrico, cranio-sacrale e viscerale.

A differenza della medicina tradizionale allopatica mira all'individuazione della causa alla base della comparsa del sintomo stesso.

Fra i motivi più comuni di richiesta del trattamento osteopatico rientrano i disturbi di:

  • Colonna vertebrale: dolore lombare, cervicale e dorsale
  • Arti superiori: dolore a spalle, gomito, polso
  • Arti inferiori: dolore a bacino, ginocchia, caviglie e dolore localizzato ai piedi
  • Emicrania, cefalea, problematiche e/o dolore alla masticazione
  • Difficoltà digestive
  • Difficoltà uro-ginecologiche e disfunzioni del pavimento pelvico.

Principi dell’osteopatia

I principi cardine dell’Osteopatia:

  • L’essere umano rappresenta un’unità dinamica di funzioni, il cui stato di salute è determinato da corpo, mente e spirito;
  • Il corpo possiede degli innati meccanismi di autoguarigione ed autoregolazione;
  • Relazione tra struttura e funzione a tutti i livelli del corpo umano.

Proprio grazie ai principi su cui si basa, l’Osteopatia è indicata per persone di tutte le età.


Dr.ssa Silvia Colombo
Osteopata
Centro Acacia: Monza


Articoli

Siti amici

Scopri i nostri siti amici

Clicca qui

Chi siamo

Scopri...

Servizi

Scopri...

Dove siamo

Scopri...

Contattaci

Scopri...

centro acacia

Centro Acacia
Psicologia e Psicoterapia
Monza
P.I. 94620090152

info@centroacacia.it

Contatti
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione.