Ansia da rientro: che fatica ritornare al lavoro!

  • Centro Acacia
Ansia da rientro Monza

Per mesi aspettiamo e sogniamo le tanto ambite ferie ed ecco che finalmente arrivano ma, senza che neanche ce ne accorgiamo, è già ora di tornare a casa e, ancor peggio, di tornare al lavoro. Come è stato possibile? Neanche il tempo di staccare, di ambientarci, di dimenticarci di scadenze, incombenze e problematiche lavorative ed è già finita la vacanza. Questo è ciò che pensano e provano la maggior parte delle persone al termine delle vacanze estive.

 Sta capitando anche a te? Ti ci ritrovi anche tu?

Ecco di seguito alcuni consigli che possono aiutare ad affrontare tutto ciò.

1-Rientro soft: immaginare davanti a sé un’intera settimana lavorativa può innescare vissuti d’ansia sostenuti dall’idea che non riusciremo a farcela. Meglio rientrare al lavoro a metà settimana in modo da ricominciare gradualmente e che il weekend più vicino possa essere vissuto come spazio dove poter ancora autorizzarci ritmi ed abitudini sperimentati in vacanza.

2-Organizzazione: utilizzare i primi giorni di rientro per riappropriarsi dei propri spazi lavorativi, leggere le mail arrivate e fare un piano di lavoro, stabilendo una serie di piccoli obiettivi. Tutto ciò  servirà a percepire la situazione lavorativa come più affrontabile e ridurre la sensazione di essere sovrastati dalla mole del lavoro stesso.

3-Analisi della quotidianità: far sì che la vacanza non rimanga un semplice bel ricordo ma diventi opportunità per valutare il proprio stile di vita. E’ probabile che, se sto vivendo con ansia e stress eccessivi il rientro a casa e al lavoro, le mie abitudini siano da rivedere; sarà quindi importante osservarmi per valutare se e dove posso apportare cambiamenti utili a rendere in generale la mia vita più appagante e soddisfacente. Oltre a ciò sarà importante chiedermi cosa di ciò che ha caratterizzato lo stile di vita avuto in vacanza posso riprodurre nella mia quotidianità.

4-Apportare cambiamenti: una volta fatta l’analisi della mia quotidianità e capito cosa vorrei portare in essa di ciò che ho vissuto in vacanza, dovrò fare in modo di introdurre ciò che desidero nella mia vita di tutti i giorni. Certamente non sarà semplice e dovremo anche scendere a dei compromessi ma riuscendo ad abbandonare lo stile “tutto o niente” tipico dello stacco tra quotidianità lavorativa e vacanza ci approprieremo di un maggior qualità della vita. Ecco alcuni esempi: ritagliarsi spazi dove fare ciò che amiamo, autorizzandoci la possibilità di rimandare ciò che dobbiamo fare (leggere un libro come facciamo in spiaggia, fare una passeggiata come facciamo sul bagnasciuga o in montagna, uscire a cena o a mangiare un gelato etc); organizzare brevi viaggi, weekend o gite fuori porta senza dover necessariamente aspettare agosto; ritagliarci del tempo senza programmi o incombenze da dover risolvere, magari nel finesettimana, in modo da riprodurre quel senso di libertà e benessere che ci è dato dal tempo libero che ci concediamo, di solito, solo in vacanza.

Tutto ciò può essere utile per affrontare il rientro ma soprattutto vi aiuterà a spostare l’attenzione da ciò che non c’è più: la vacanza; su ciò che può essere: una nuova quotidianità più ricca ed appagante che non sia solo “il tempo che manca alla prossima vacanza”.

Dott.ssa Michela Lauro
Centro Acacia
Monza


Chi siamo

Scopri...

Servizi

Scopri...

Dove siamo

Scopri...

Contattaci

Scopri...

centro acacia

Psicologia e Psicoterapia
Monza

info@centroacacia.it

Contatti
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione.